Nonostante la bellezza e la potenza artistica dei due Prigioni (ribattezzati schiavi ndr) di Michelangelo, sculture destinate alla tomba di Papa Giulio II, ormai per sempre opere incompiute, il potenziale espressivo e tattile delle superfici in pietra non è stato pienamente esplorato fino alle opere del grande scultore impressionista Auguste Rodin alla fine del diciannovesimo secolo. Rodin ha rivoluzionato il modo di utilizzare la pietra naturale nell'arte reiventando l’approccio naturalistico e perfettamente levigato a favore di una finitura superficiale particolareggiata e strutturale. In questo modo, Rodin ha coinvolto nell’opera la superficie della scultura, e non solo la sua forma, come fulcro di espressione artistica.

Le finiture Salvatori, grazie alla valorizzazione unica ed innovativa della superficie della pietra naturale,  donano nuova vita a un materiale incredibilmente versatile, duraturo e sostenibile rendendolo estremamente attuale nel contesto del design contemporaneo.

Grazie a oltre 70 anni di esperienza, abbiamo sviluppato una conoscenza ineguagliabile, che ci permette di ottenere la più alta qualità possibile nell’ambito della pietra naturale, ricercando i blocchi dotati delle migliori caratteristiche estetiche e strutturali. L’abbinamento di questa esperienza a un approccio innovativo alla lavorazione della superficie ci permette di esprimere al massimo il potenziale tattile della pietra naturale.

NEWSLETTER

Iscriviti per le ultime novità e promozioni

letter-bg